I grandi capolavori del Corallo

dom
3
mar 2013
ARTE, MOSTRA
Fondazione Puglisi Cosentino / Via Vittorio Emanuele, 122 Catania (CT)
Dal 3 marzo Al 5 maggio
h. 10.00 > 13.00 - 16.00 > 20.00 - Chiuso il lunedì - T. 095 7152228 - Ingresso libero

Mostra "I grandi capolavori del Corallo".

I più straordinari capolavori dell’antica arte del corallo rosso in Sicilia, riuniti per la prima volta in un’unica grande esposizione, saranno i protagonisti a Catania dal 3 marzo al 5 maggio 2013 della mostra I grandi capolavori del Corallo. I coralli di Trapani del XVII e XVIII secolo, proposta a Palazzo Valle dalla Fondazione Puglisi Cosentino con il contributo della Fondazione Roma Mediterraneo.

La mostra che si annuncia come l’evento della primavera 2013 a Catania è stata curata da Valeria Li Vigni, direttore del Museo Pepoli e autrice con i co-curatori Vincenzo Abbate e Maria Concetta Di Natale del catalogo dedicato all’esposizione.

A testimoniare la grande maestria di orafi, incisori, scultori e semplici artigiani attivi in Sicilia tra il XVII e il XVIII secolo – in particolare a Trapani dove, sul finire del 1600, erano censite oltre 40 botteghe - saranno i nuclei principali di alcune storiche collezioni: quella della Banca Popolare di Novara (proveniente da Palazzo Bellini di Novara, sede dell'esposizione permanente della Fondazione BPN, che per la prima volta torneranno in Sicilia), del Museo Pepoli di Trapani (che ospiterà la mostra di Palazzo Valle in seconda battuta, dal 18 maggio al 30 giugno), della Fondazione Whitaker (proveniente da Villa Malfitano a Palermo), del Museo Diocesano di Monreale e di altre raccolte pubbliche insieme a pezzi singoli – molti dei quali inediti – in prestito alla Fondazione da collezionisti privati, italiani e stranieri. 

L’ingresso alla mostra sarà gratuito.

In mostra a Palazzo Valle preziosi manufatti di inestimabile valore selezionati con grande attenzione dalle collezioni citate: gioielli e arredi sacri (calici, ostensori, crocifissi, reliquiari, rosari e presepi) e ancora calamai, saliere e raffinatissimi elementi d’arredo come specchiere, cornici, tavoli da gioco, scrigni e monumentali stipi destinati a case principesche e regge.

Si tratta di oggetti di grande valore artistico, realizzati con materiali pregiati per essere donati, tra il '500 e il '600, a principi e regnanti. "Naturalia" e "Mirabilia" erano esposti nelle Wunderkammer settecentesche, le così dette  "stanze delle meraviglie"dove l’appassionato collezionista raccoglieva oggetti della natura arricchendoli con materiali preziosi finemente cesellati in base all’estro dell’artista, filigrana d’ oro e d’ argento, splendidi oggetti destinati al godimento di pochi eletti nelle proprie dimore, piccoli musei ante litteram.

A influire, poi, sulla sempre più ricercata e manieristica produzione in corallo rosso degli artigiani di Trapani sembrerebbe essere stato il culto della Madonna dell’Annunziata che ogni anno chiamava a raccolta migliaia di pellegrini aumentando la domanda di rosari, i cui grani erano realizzati con il rosso “ornamento del mare”. Questa, infatti, l’etimologia della parola corallo: dal greco korallìon, dove koreo significa “adorno” ealòs “mare”.

LINK www.fondazionepuglisicosentino.it
La tua opinione su I grandi capolavori del Corallo
Non ci sono commenti per questa pagina, vuoi essere il primo a commentarla? Effettua il Login oppure Registrati.
Per poter gestire le Placelist devi eseguire l'accesso
Se non hai ancora un account su Citymap registrati è gratis.
Scopri la Sicilia
Calendario
‹ Visualizza tutti
share tools
Gradimento
Condividi
Incorrect parameter count in the call to native function 'radians'